International Projects

Donna migrante

2018 – in progress

BEFORE (Best practices to Empower women against Female genital mutilation, Operating for Rights and legal Efficacy)

BEFORE aims to:

  • contribute to reinforce policies combating and preventing FGM by building on best practices at EU level;
  • promote the revision/implementation of policy, legislative and financial measure and procedures to measure prevalence, prevent and combat FGM at national level;
  • increase the capacity of key professionals and CSOs to provide support and protection to victims and potential victims of FGM and treatment to female perpetrators, and sensitise migrant communities at risk.

EXPECTED RESULTS:

  • Developed and shared recommendations on application of national best practices;
  • Increased awareness of relevant stakeholders at national and EU level on the needs to revise and/or implement policy and measures against FGM;
  • Trained key professionals on FGM related issues and increased the effectiveness of referral systems;
  • Raised awareness among communities at risk of FGM and implemented programs targeted at providing treatment to perpetrators.

Partner:
No Peace Without Justice – NPWJ (Italy)
Comission pour l’Abolition des Mutilations Sexuelles – CAMS (France)
Institut de Santé Génésique – ISG (France)
La Palabre (Belgium)

2017 – in progress

WEIP Women’s Empowerment Integration and Participation

WEIP aims to provide migrant and refugee women (MRW) in four EU countries: Spain, Italy, Poland and the UK with enhanced opportunities for integration. WEIP will focus on four of the priorities identified by AMIF, by implementing concrete activities aimed at empowering MRW and facilitating their integration.
WEIP is focused on providing new and recent migrant and refugee women (MRW) with a better start to life in the EU and improving their chances of integration in the host countries by increasing their skills, access to services and employment opportunities.

Through WEIP:
• 260 MRW will be supported to develop language skills through tailored language classes in English, Spanish, Italian and Polish.
• 350 MRW will be trained in skills to suppport job search and 40 offered work experience placements.
• 400 MRW will receive individual and tailored advice on accessing education; healthcare, housing, labour rights, welfare support and specialist advice on violence against women and girls (VAWG) depending on the MRW’s specific needs.
• 260 MRW will enhance their knowledge about how the system works in the host country and will gain understanding on how to access services and access cultural/recreational activities.
• 220 professionals and front line workers will receive training through roundtables and workshops to improve services and support for MRW.
• 200 professionals and decision-makers will increase their knowledge about how to best respond to the specific needs of MRW.

Target:
1,730 migrant and refugee women in four EU countries (Italy, Spain, Poland and the UK).
Activities:
Classes in the national language (English, Spanish, Italian, and Polish) delivered in a creative way and adapted to their needs. MRW will have access to one-to-one tutorials, advice and signposting to further education provisions available locally to prepare them for language and other examinations, and on how to re-validate certificates/diplomas from their own countries.
Employment orientation and training, such as in interviews skills and preparing job applications; individualised plans and orientation, information about labour rights, work experience through volunteer placements that will help them gain job skills and develop opportunities for integration.
One to one advice for MRW to facilitate integration in their specific areas of need including access to education, access to healthcare, housing, acess to welfare support, access to services and specialist advice on VAWG when required. MRW will have an assessment and individual action plans to ensure that they receive specialist advice in their area of need.
Workshops on rights and responsibilities, accessing support, understanding the system, cultural activities and outings. MRW will themselves decide on workshops topics according to their needs. WEIP will organize visits to local places of interest, such as Parliament, local authorities, schools, museums, galleries and other community venues to better understand the system, practice language skills, and to counter isolation.

Professionals in organisations or statutory services working directly with MRW will be supported to provide improved services for MRW, through professional training, building capacity, and sharing of knowledge and experiences with a strong gender perspective.
Organisations working with MRW will enhace their capacity and learning of sucessful practice on integration through EU public events including an international workshop, national rountables and an international closing conference. A communications/advocacy strategy will be produced and there will be press releases at public events. Social media will be widely used through the project. A final report on sharing good practices will be widely disseminated through the EU to organisations working with MRW and with decision makers to influence policy and practice. A video showcasing MRW’s voices and best practice will be produced.

Partner:
KARAT Coalition http://www.karat.org/
Differenza Donna http://www.differenzadonna.org/
Red Acoge http://www.redacoge.org/es/
Latin American Women’s Rights Service – LAWRS http://www.lawrs.org.uk/en/

Per informazioni:
Sabrina Frasca, Project Manager WEIP per Differenza Donna: sab_frasca@virgilio.it

2016 – in progress

SAFETY NET Women Empowerment Integration Partecipation

Objectives of the project:
• Ensure easy access of gender-based violence (GBV) victims, in particular female migrants and refugees, to the specific aid services and receiving of appropriate assistance
• Appease underreporting of GBV by raising capacity and awareness of field professionals to identify the victims and refer them to the proper authorities and services.
• Expand prevention of and response to GBV in partner countries through building respond capacity of GBV professionals regarding diverse needs of migrant and refugee victims; improvement of working methods and establishment of multi-actor coordination and improved protection mechanism
• Get migrant and refugee women empowered and well informed to report and stand for their rights
• Open the public agenda with new GBV challenges and frames of respond and stimulate action by all relevant actors, including adequate representation and consultation of women’s Organisations.

Type and number of persons benefiting from the project:
– Police officers, Medical practicioners, reception officers, cultural mediators 100
– professionals of Specific GBV services 100
– Auxiliary staff of Shelters, accomodation, Volunteers in first reception 100
– Migrant and Refugee Women 370
– NGO’s personnel 300
– Legal experts 150
– Gender equality and GBV educators/trainers 200
– Gender equality policy makers 50

Activities:
Cross country situation and Capacity analysis in GBV to identify problems and good practices and summarise recommendations for the preparedness and comprehensive prevention and response capacity at all stages
Multi-actor Coordination mechanism-provide accessible, prompt, confidential, and appropriate services to survivors/victims according to a basic set of guiding principles to prevent incidents of GBV
Capacity building for professionals working in specific GBV services- improve understanding of GBV contextual circumstances and the diversification of GBV victims’ needs, sharing of a cultural sensitive approach, develop response frameworks
Inter-agency Training-improve knowledge on gender equality issues, GBV and guiding principles and international legal standards
Awareness raising seminar-sensitize the assisting staff about proper GBV victims treatment
Empowerment seminars – enhance agency, build solidarity bonds and information on women’s human rights
Legal information and assistance/ counselling sessions to migrant and refugee victims of GBV to pursue legal justice for gender violence crimes
Dissemination and Awareness raising activities- share best practice and results; sensitise specific & wider audiences; inform PoC; mobilise local actors in taking prevention concerted action

2015 – 2016

G.A.P.S. – Gendering Asylum Protection System

Il progetto di ricerca, finanziato da Feminist Review Trust ”, ha l’obiettivo di colmare le lacune del sistema di protezione internazionale in presenza di richiesta di asilo proveniente dalle donne e si propone di:

  1. raccogliere dati e informazioni sulle richieste di asilo presentate dalle donne e sul loro esito;
  2. rilevare le buone e cattive prassi che limitano l’accesso delle donne al sistema di protezione internazionale;
  3. sistematizzare le analisi prodotte sul tema dell’asilo e le questioni di genere correlate, non trascurando il dibattito femminista e diffonderlo in Italia tra operatori e istituzioni.

2015 – 2014

Erasmus + KA 1 Learning Mobility of individuals

Il progetto di mobilità finanziato dal Programma dell’Unione Europea Erasmus + per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020 ha riguardato momenti di scambio di buone pratiche in12 diversi Paesi europei e la formazione individuale sul tema della violenza sulle donne e della gestione dei centri antiviolenza.

Gli obiettivi del progetto:

  1. Realizzazione corsi di formazione e percorsi di orientamento professionale per incentivare con percorsi di supporto il reinserimento di donne svantaggiate nel mondo del lavoro
  2. Migliorare gli strumenti e le tecniche utilizzate in tutti i corsi di formazione con particolare riferimento ai gruppi di auto mutuo aiuto e ai corsi per operatrici antiviolenza

2015 – 2013

GendeRIS: the gender dimension in anti-trafficking policies and prevention activities in Romania, Italy and Spain.

Il progetto GendeRIS, finanziato dal Prevention and Fight against Crime Programme dell’Unione Europea, in cui Differenza Donna è partner insieme ad altre due associazioni europee specializzate nel contrasto e nella prevenzione della tratta degli esseri umani, è nato per sostenere ed intensificare la lotta contro la tratta attraverso lo sviluppo di una metodologia di genere. L’obiettivo del progetto è fornire ai policymakers locali ed internazionali, strumenti metodologici e teorici più efficaci nel contrasto e prevenzione della tratta delle donne.

2014 – 2013

Exit GBV dialogue: Intercultural dialogue between Italy and Morocco on gender-based violence and migration

Il progetto Exit GBV dialogue, finanziato da Anna Lindh Foundation, in cui Differenza Donna è stata capofila in partenariato con IPDF – Initiatives pour la protection des Droits des Femmes in Marocco, ha previsto l’implementazione e sviluppo di una duplice ricerca in Italia e in Marocco sulla discriminazione di genere e sulla violenza di genere nelle donne marocchine in Marocco e nelle donne marocchine di prima e seconda generazione in Italia. La ricerca ha avuto come obiettivo individuare i fattori chiave di cambiamento nei processi di integrazione in merito alla violenza di genere e facilitare politiche di genere per le donne migranti in Italia.

2012 – 2001

Centro Mehwar per la protezione e l’empowerment delle donne e delle famiglie – Betlemme

Progetto finanziato dalla Cooperazione Italiana e dalla Banca Mondiale. Ha previsto l’apertura di un Centro antiviolenza pilota per donne e bambini dei territori Palestinesi occupati (Betlemme) e l’implementazione di tutte le attività necessarie alla sua gestione. Il progetto ha visto un’importante messa in campo delle alte professionalità dell’Associazione, al fine di garantire un’adeguata condivisione ai fini di progetto con le istituzioni locali.

Il Centro offre i seguenti servizi specializzati:

  • Ospitalità protetta per 35 donne (con figli) e ragazze vittime di violenza
  • Progetti individuali di uscita dalla violenza e reinserimento sociale
  • Consulenze socio-psicologiche e legali e sostegno alla genitorialità per famiglie in difficoltà
  • Nursery e consulenza sulla salute
  • Attività di prevenzione dei comportamenti violenti e sensibilizzazione per la comunità
  • Palestra e attività ricreative;
  • Caffetteria 

Gli ultimi 4 servizi sono aperti anche alle donne del territorio, per facilitare la frequentazione del Centro e avvicinarlo all’intera comunità femminile.

2011 – 2009

Zorha Antiviolence Centres – Iniziativa per la salvaguardia dei diritti e della dignità delle donne e dei minori in Cisgiordania

La Cooperazione Italiana a Gerusalemme ha finanziato il progetto di emergenza attraverso il quale Differenza Donna ha aperto tre sportelli antiviolenza, Zorha Antiviolence Centres, nei villaggi di Dura Yatta e Halhul, nel Governatorato di Hebron. Negli sportelli grande attenzione viene data ai casi di violenza domestica, incesto, matrimoni precoci e forzati, poligamia, segregazione.

Attività svolte: counselling individuali e supporto psico-sociale, consulenza legale e rappresentanza in giudizio, gruppi di sensibilizzazione per la comunità, consulenza sanitaria, network con i servizi territoriali.

2010 – 2008

Kaliningrad Alliance for Women’s Empowerment

Il progetto finanziato da Tacis IBPP – Institution Building Partnership Programme Support to Civil Society and Local Initiatives dell’Unione Europea denominato Kaliningrad Alliance for Women’s Empowerment, è stato realizzato da Differenza Donna nella regione di Kaliningrad della Federazione Russa, con l’obiettivo di istituire 6 sportelli antiviolenza.

Gli obiettivi del progetto:

  • Mettere in discussione la visione tradizionale dei ruoli di genere
  • Incentivare la creazione di reti e collaborazioni attive tra la società civile e le istituzioni pubbliche
  • Ridurre la marginalità socio-economica e la conseguente vulnerabilità delle donne che vivono nella regione di Kaliningrad
  • Effettuare il mainstreaming delle politiche di genere all’interno di politiche pubbliche locali.

2010 – 2008

Boosting a Culture of Women’s Rights in Kazakhstan – Integrated Project to Reduce Social Marginality & Empower Vulnerable Women in Kokchetav, Chimkent, Taraz, Enbekshi-Kazak

L’obiettivo del progetto ha riguardato l’apertura di un centro antiviolenza ad Almaty, in Kazakistan, e più specificatamente la realizzazione di capacity building di selezionate ONG di donne Kazakhe e di istituzioni pubbliche in risposta ai bisogni delle donne vulnerabili, incluse donne sopravvissute alla violenza domestica.

Il progetto ha contribuito a ridurre la marginalità e la segregazione delle beneficiarie attraverso il rafforzamento delle competenze delle organizzazioni, il miglioramento del loro ruolo e visibilità nel processo politico decisionale e l’applicazione di nuovi approcci all’assistenza sociale.

2009

Ovunedhiwa Wa Ayhiana – Mozambico, Maputo, Quelimane, Zambesia

All’interno del programma per il Volontariato delle Nazioni Unite UNV, il Progetto Ovunedhiwa Wa Ayhiana ha visto la partecipazione del Comune di Roma, della Casa Internazionale delle Donne e di varie ONG, tra le quali Differenza Donna, conducendo missioni a supporto della ONG mozambicana Nafeza, allo scopo di implementare un centro antiviolenza a Quelimane per donne e bambini vittime di violenza di genere e domestica. Obiettivi delle missioni sono stati: supportare l’implementazione di un network con le istituzioni locali e formare lo staff del futuro centro antiviolenza.

2007 – 2003

Progetto Daphne S.A.R.A. –  Spousal Assault Risk Assessment

Commissione Europea Programma Daphne.
Nel 2003 Differenza Donna lancia il Progetto S.A.R.A. – Spousal Assault Risk Assessment, finanziato dal Programma DAPHNE della Commissione Europea per la prevenzione ed eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne e i bambini. Scopo del progetto è stato prevenire casi di femminicidio, mettendo a disposizione di professionisti (principalmente operatori delle forze dell’ordine, assistenti sociali e magistrati) uno strumento utile ad identificare tempestivamente fattori di rischio di recidiva e di escalation della violenza nelle relazioni tra partner, attraverso l’elaborazione di una scala del rischio. Differenza Donna ha svolto formazione in Italia e a livello internazionale, validata la procedura in Italia e trasferita ai paesi partner: Grecia, Paesi Bassi, Portogallo, Lituania e Repubblica Ceca. Il progetto, per la sua utilità e il carattere innovativo, è stato finanziato per quattro anni e i suoi risultati estesi anche ad altri Paesi.

2005

International Youth Exchange “Sobre la violencia de genero”

Il progetto svoltosi a San Jose, Costa Rica, ha coinvolto giovani operatrici di associazioni di donne all’avanguardia nella lotta alla violenza di genere, tra cui Differenza Donna, per contrastare l’“invisibilità” di tale fenomeno che colpisce indistintamente tutti i Paesi e in Costa Rica è particolarmente grave.

Tra i Paesi partecipanti: Messico (SIJUVE), Paraguay (Estudios Rurales), Uruguay (BICE), Germania (DAFF).

2004

Support to the Fulfillment of Child and Adolescent Rights: the Fight against Poverty

Il progetto sostenuto dall’Unicef, dal Comune di Roma e dal Comune di Genova, ha promosso la costituzione di una rete fra l’Italia ed il Nicaragua per i servizi medici, i servizi sociali, le forze dell’ordine tramite l’intervento di due ONG italiane: Differenza Donna di Roma e Artemisia di Firenze, entrambe esperte in ideazione e gestione di centri antiviolenza. Realizzato in Nicaragua, nei distretti di Managua, Leon, Chinandega, Matagalpa e Rivas, ha avuto come finalità lo scambio di competenze  in materia di contrasto della violenza nei confronti delle donne.

2003

International Youth Exchange “Women Trafficking”

Differenza Donna in partenariato con quattro associazioni di donne impegnate nel contrasto al traffico e allo sfruttamento della prostituzione finanziate dalla Comunità Europea a Minsk (Bielorussia), ha avuto l’obiettivo di elaborare strategie comuni al fine di contrastare il fenomeno della prostituzione coatta. I Paesi partecipanti sono stati: Italia (Differenza Donna, Afsai); Spagna (Plan Jovanes); Azerbaijan (New Faces); Bielorussia (La Strada). Hanno partecipato inoltre: Svezia (A_Net Youth Forum); Ucraina (Social New Names, Rozrada); Moldavia (Civic Iniziative); Bulgaria (Women Alliance for Development); Georgia (Ertoba); Russia (Swallows).

2002

Bangladesh, Dakha

Progetto promosso dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Roma, con l’obiettivo di aprire a Roma il Centro Internazionale per i diritti umani delle donne. Il progetto ha previsto una missione a Dakha con l’obiettivo di elaborare buone pratiche di accoglienza e sostegno per le donne sfigurate dall’acido. Le donne del Bangladesh e del Pakistan arrivate a Roma sono state ospitate dal Centro antiviolenza del Comune di Roma e in seguito alla sua apertura, presso il Centro Internazionale per i diritti umani delle donne per una assistenza medica, psicologica, per sostenere il periodo di interventi di chirurgia plastica e concludere i progetti in un loro rimpatrio assistito o in un inserimento in territorio italiano.

2001

Albania, Tirana

Progetto promosso dal Governo albanese e dall’OIM (International Organization for Migration). Differenza Donna è stata invitata a Tirana per partecipare allo scambio di competenze sul traffico di donne, e presentare nelle scuole albanesi il video: “Contro la nostra volontà”, realizzato da Differenza Donna, con l’obiettivo di prevenire ed informare le donne circa il racket di trafficanti di esseri umani.

FGM BUTTON


BEFORE PROJECT


BANNER

5x1000

DONA ORA

dona ora

CENTRI ANTI VIOLENZA

dona ora

Newsletter

newsletter

Testimonianze

testimonianze

One Billion

testimonianze

Area Riservata

testimonianze