Centri antiviolenza

IMG_9202

I centri antiviolenza  di Differenza Donna  sono lo strumento prioritario di cui l’Associazione si avvale per  prevenire e contrastare la violenza di genere.

Per contrasto intendiamo un universo di attività che nel loro complesso sono impegnate a condurre chi ha subito violenza, verso la riscoperta della propria identità, del proprio valore, delle proprie competenze, per ritrovare così il  desiderio di un nuovo progetto di vita.
Nei Centri Antiviolenza di Differenza Donna vengono accolte e, se necessario, ospitate donne di ogni Paese, cultura e religione. Il nostro capitale è la motivazione, la competenza e l’esperienza di noi operatrici. I nostri migliori investimenti sono i programmi  di libertà che mettiamo in atto.
I  centri di Differenza Donna  vogliono essere dei luoghi di benessere perché sono confortevoli, perché ad ognuna è dato un ascolto attento e competente, perché tutte possono usufruire dei molti servizi che offrono, perché i bambini sono seguiti con attenzione, perché vi nascono amicizie fra ospiti a volte durature, perché è possibile scambiarsi esperienze e conoscere   costumi, tradizioni e religioni delle altre, perché infine è sempre possibile fare una torta tutte insieme. E quando arriva un compleanno si festeggia.
I nostri centri non li pensiamo assistenziali, convinte come siamo che le forme dell’assistenza lasciano immodificati i problemi, che rispuntano appena l’aiuto cessa. Il nostro sostegno invece tende a restituire nelle mani della donna accolta o ospite del centro la sua vita, ma arricchita da un’esperienza che l’ha condotta verso la conquista di una autonomia, indispensabile per proiettarsi verso un futuro scelto e non imposto con il sopruso.  Una donna libera di scegliere, forte nella sua identità, capace di una analisi critica delle relazioni, consapevole delle sue competenze è preziosa per l’intera società.

I nostri centri offrono in forma assolutamente gratuita: 
ascolto telefonico 24 ore al giorno
accoglienza ospitalità anche per i figli piccoli
sostegno alle maternità difficili
consulenza legale, sociale, psicologica
sportelli antistalking
avvio di procedure con i servizi territoriali (scuole ospedali,consultori, ecc.)
avvio di procedure con le istituzioni (Comune, Provincia, Tribunali, ecc.)
intermediazione culturale
gruppi di auto aiuto
incontri protetti
baby garden
DD-Line-0100

Centro di accoglienza per donne che non vogliono più subire violenza – Città Metropolitana di Roma Capitale e Istituzione Solidea 
Viale di Villa Pamphili 71/C, 00152 Roma
tel. 06.5810926/06.58332575 – fax 06.5811473
ceproant@tiscalinet.it


1992: nasce il Centro Antiviolenza della Provincia di Roma, gestito da Differenza Donna ONG.
Da allora si rivolgono al Centro circa 600 donne ogni anno. La visibilità e l’efficienza dei risultati della positiva gestione hanno reso il Centro un servizio di eccellenza a livello locale, nazionale ed internazionale, per le donne che hanno subito violenza nonché per operatori, professionisti, politici impegnati nel contrasto alla violenza di genere.

Il Centro offre i seguenti servizi specializzati:

  • ascolto telefonico 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno
  • ospitalità nelle situazioni a maggiore rischio per donne sole o con figli
  • consulenza legale, sociale, psicologica
  • avvio di procedure con i servizi territoriali (scuole, ospedali, consultori, ecc.) e con le istituzioni (Comune, Provincia, Regione, Tribunale per i Minorenni, Tribunale Civile e Penale)
  • mediazione scolastica e culturale
  • spazi di riprogettazione dei percorsi personali
  • orientamento al lavoro
  • gruppi di auto-mutuo aiuto
  • spazio per incontri protetti tra minorenni e figure genitoriali e familiari
  • baby garden
  • sportello antistalking ALBA (Centro Provinciale)

DD-Line-0100

Centro di accoglienza per donne in difficoltà, sole o con figli “Maree” – Città Metropolitana di Roma Capitale e Istituzione Solidea
Via Monte delle Capre 23, 00148 Roma
tel.06. 6535499 – fax 06.65793567
centromaree1@virgilio.it

2000: nasce il Centro “Maree” per donne in difficoltà, e da allora nella gestione di Differenza Donna ha accolto circa 8000 donne. Nella gestione di questo centro, Differenza Donna ha promosso un’importante rete con i referenti istituzionali e non, per mettere a punto buone pratiche e linee guida per facilitare e sostenere donne in uscita dalla violenza anche con i/le loro figli/e minori.

Il Centro offre i seguenti servizi specializzati:

  • ascolto telefonico 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno
  • accoglienza e ospitalità per donne che sperimentano gravidanze e maternità difficili
  • educazione alla salute e Codice Rosa
  • ospitalità nelle situazioni di grave povertà o abbandono
  • consulenza legale, sociale, psicologica
  • avvio di procedure con i servizi territoriali (scuole, ospedali, consultori, ecc.) e con le istituzioni (Comune, Provincia, Regione, Tribunale per i Minorenni, Tribunale Civile e Penale)
  • mediazione scolastica e culturale
  • progetti personalizzati di uscita dalla violenza e reinserimento socio-lavorativo
  • gruppi di auto-aiuto per donne sopravvissute a gravi violenze
  • spazio per incontri protetti tra minorenni e figure genitoriali e familiari
  • baby garden
  • Sportello NORA per donne anziane vittime di violenza;
  • Sportello A.ST.R.A. (Anti Stalking Risk Assessment) per donne vittime di stalking, che offre:
    • sostegno psicologico alla vittima durante la delicata fase di “raccolta’ delle prove”
    • valutazione del rischio di recidiva e di escalation con i metodi Thais (Threat Assessment of Intimate Stalking) e Silvia (Stalking Inventory List per Vittime e Autori) per lo stalking fra ex partner
    • monitoraggio e follow-up dei casi per la verifica dell’efficacia dei percorsi giudiziari ed extragiudiziari intrapresi

DD-Line-0100

Prendere il volo – Un centro per donne vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale  
Via Monte delle Capre 23, 00148 Roma
tel.06.6570473 – fax 06.65746819
prendereilvolo@differenzadonna.it

2004: Finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri, offre servizi di accoglienza specificatamente rivolti alle donne vittime di tratta (ex art. 18 D. Lgs n. 286/1998 e art. 13 D. Legge n. 228/2003.). Nel 2016 il Centro continua ad accogliere ed ospitare donne vittime di tratta sotto il progetto “Rete Antitratta Lazio”, finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità.

Il Centro offre i seguenti servizi specializzati:

• Ospitalità protetta per 5 donne vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo
• Assistenza nell’ottenimento del permesso di soggiorno ex art. 18 D. Lgs n. 286/1998 e in tutte le procedure burocratico – amministrative
• Attivazione di percorsi sanitari di prevenzione e cura
• Progetti personalizzati di reinserimento socio-lavorativo
• Consulenza legale e rappresentanza in giudizio
• Consulenza psico-sociale
• Orientamento al lavoro
• Attività di recupero psico-fisico
• Ascolto telefonico 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.

Dal 2013 Differenza Donna è membro della Piattaforma Nazionale Antitratta; ha partecipato inoltre in qualità di esperta all’Osservatorio Nazionale sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi, promosso dal Governo Prodi, istituito il 24 gennaio 2007 presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con lo scopo di studio, ricerca e approfondimento del sistema di prevenzione e contrasto ai fenomeni della tratta di esseri umani e dello sfruttamento della prostituzione, per migliorare l’efficacia e potenziare le misure di assistenza, protezione e tutela delle vittime.

DD-Line-0100

Centro Antiviolenza Aretusa -offre ascolto e sostegno alle donne del territorio del Piano Sociale S10 – Atena Lucana (SA)  
Via Stazione (ex scuola dell’infanzia ) Atena Lucana Scalo (SA)
tel. 0975 1966166 – Numero Verde 800413300
antiviolenzaaretusa@pec.pianosociales10.it; cavaretusa@gmail.com

Il Centro offre i seguenti servizi specializzati:

  • accoglienza;
  • ascolto telefonico;
  • colloqui su appuntamento;
  • valutazione del rischio;
  • sostegno ai percorsi di fuoriuscita dalla violenza;
  • consulenza legale;
  • lavoro in rete con Istituzioni, servizi socio-sanitari, forze dell’ordine, tribunali, privato sociale.

Tutti i servizi forniti dalle operatrici qualificate di Differenza Donna sono gratuiti e garantiscono l’anonimato e la privacy delle donne che vi si rivolgono.

DD-Line-0100

Sportello contro le multiple discriminazioni
2014: Differenza Donna avvia lo sportello a sostegno delle donne disabili e con multiple discriminazioni.
Lo sportello vuole offrire sostegno alle donne disabili vittime di violenza. Infatti, le questioni di genere nell’ambito della disabilità, tra le quali la violenza, sono state troppo poco studiate e approfondite, a causa di barriere culturali e sociali legate a stereotipi e pregiudizi. La violenza di genere in donne disabili è meno percepita, anche se, in realtà proprio per la loro vulnerabilità sono a più alto rischio.

Proposte di Paesi Civili come la sterilizzazione forzata delle donne disabili negano il loro diritto ad essere madri ed indirettamente la loro sessualità. Sobsey (1990) individua 5 miti con lo scopo di comprendere meglio la vittimizzazione delle donne disabili: – la deumanizzazione: le donne disabili sono considerate meno “umane” ed inferiori rispetto a donne normodotate, così anche la violenza viene percepita meno rispetto alle donne normodotate. – la percezione delle donne disabili come “merce danneggiata”; la percezione che le donne disabili “non sentono dolore” o piacere; in alcuni casi le donne disabili sono vissute come “minaccia sociale”; in altri casi sono vissute come “bisognose di aiuto” e quindi facili prede.

Recenti raccomandazioni europee (Ocse – Closing the Gender gap, 2012; EuropeanDisability Forum, end Manifesto on the Rights of Women and Girls with Disabilities in the European Union, 2011) sottolineano la necessità di includere nelle politiche di prevenzione e contrasto alla violenza di genere azioni specifiche inerenti la violenza di genere ai danni di donne con disabilità. Le donne con disabilità costituiscono circa il 16% della popolazione femminile dell’Unione Europea. Circa 40 milioni le donne e le ragazze sono disabili e la violenza di genere è la prima causa di morte o di invalidità per le donne tra i 15 e i 44 anni.

DD-Line-0100
Centro per donne vittime di violenza e in difficoltà antiviolenza “Le Lune”
2008-2016: il Centro, finanziato dal Comune di Guidonia-Montecelio e gestito da Differenza Donna in ATI con due associazioni di genere del territorio: Arnica e Le Pleiadi.
Il Centro, che risponde alle richieste di un territorio che comprende 30 Comuni aventi come capofila il Comune di Guidonia, è specializzato in interventi di accoglienza delle problematiche strettamente connesse alla violenza di genere, in particolare domestica e stalking, ma anche di tipo relazionale, soprattutto in merito al rapporto genitori/figli. Il Centro è un punto di riferimento per i Servizi Sociali, Sanitari e Istituti Scolastici territoriali, per le forze dell’ordine e per la Procura di Tivoli.
A oggi il progetto è concluso.

DD-Line-0100

Casa di Semiautonomia “Franca Viola”
2015 – 2013 La Casa di Semiautonomia gestita da Differenza Donna si trova all’interno del territorio del Municipio Roma XV. Nasce dall‘esigenza di creare accoglienza ed ospitalità per donne sole o con figli minori, in dimissione dai Centri Antiviolenza, al fine di consentire loro il compimento di un percorso orientato al pieno raggiungimento di una propria autonomia.

Gli obiettivi operativi della Casa Franca Viola” sono:

  • Fornire una sistemazione abitativa della durata massima di 1 anno per i nuclei usciti da situazioni di violenza ed in fase di raggiungimento della completa autonomi
  • Assicurare un rafforzamento del percorso formativo e professionale attraverso l’acquisizione di competenze professionali e capacità relazionali nonché del raggiungimento dell’autonomia economica
  • Sostenere e rafforzare il processo di acquisizione di responsabilità genitoriale
  • Sviluppare il processo di autonomia per la costruzione di un progetto di vita
  • Sostenere l’inserimento sociale e territoriale del nucleo madre-figlie/i

DD-Line-0100
Progetto EWA – Empowering Women Antiviolence
2016 – 2015 Lo sportello EWA si trova presso il Municipio XV in Via Cassia 472
Lunedì e giovedì dalle ore 10.00 alle ore 13.30.
TEL. 345/1624248

Il progetto nasce da una profonda analisi geografica, demografica e storica del Municipio Roma XV, che ospita uno sportello antiviolenza per donne che subiscono violenza di genere con il supporto tecnico – specialistico dell’Associazione Differenza Donna ONG.

Lo sportello opera in sinergia con i centri antiviolenza gestiti da DD e offre:

  • ACCOGLIENZA A DONNE IN SITUAZIONI DI DISAGIO : ascolto telefonico h24- colloqui su appuntamento – sostegno nel percorso per la riconquista della propria autonomia.
  • FORMAZIONE- INFORMAZIONE: incontri formativi con operatori  del territorio e con le scuole sul tema della violenza.
  • SOSTEGNO LEGALE: rivolto a donne che necessitano consulenza in ambito civile, penale e minorile.
  • SEGRETARIATO SOCIALE: sostegno nell’accesso alla rete dei servizi del territorio per il recupero della propria autonomia economica, sociale ed abitativa.

DD-Line-0100

Centro Antiviolenza del Comune di Roma “Donatella Colasanti e Rosaria Lopez”
1997-2015: Nel corso degli anni sono state accolte circa 10000 donne. Dal 2000 il Centro viene intitolato a Donatella Colasanti e Rosaria Lopez, due giovani vittime della efferata violenza sessuale usata contro di loro in una villa del Circeo nel 1975, violenza che portò alla morte di Rosaria e a un trauma senza rimedio per Donatella.

DD-Line-0100

Centro per donne in difficoltà La Ginestra

2005: Finanziato da Solidea – Istituzione di genere femminile e solidarietà della Provincia di Roma Differenza Donna svolge supervisione, monitoraggio dei progetti individuali delle donne ospiti ed accolte con i loro figli minori.
Ad oggi il progetto di supervisione del Centro è concluso.